Il Quintetto

Associazione Atistica Europea - Roma

Veronica Amarres

Soprano

è nata a San Pietroburgo (Russia) da una famiglia di celebri musicisti. Ha iniziato gli studi di pianoforte a 5 anni presso la Scuola Speciale del Conservatorio “Rimski-Korsakov” di San Pietroburgo. Tenne il suo primo concerto a solo 12 anni nella Sala Grande della Filarmonica. Ha studiato al Concervatorio di San Pietroburgo pianoforte e canto lirico, è diplomata due volte con massimo dei voti e la lode e ha approfondito gli studi di canto a Londra (Guildhall School of Music and Drama).
Vincitrice di vari concorsi internazionali, tra altri il I° Premio del concorso pianistico di Senigallia e III° Premio del concorso pianistico UNISA in Sudafrica; come cantante ha vinto i concorsi così importanti come “Maria Callas Grand Prix” ad Atene (I° Premio), ‘s-Hertogenbosch in Olanda (Grand Prix), “Premio Valentino Bucchi” a Roma (I° Premio 2007) e medaglia d’onore del Presidente della Repubblica Italiana, altri premi - concorsi “Alfredo Kraus”, “Montserrat Caballé” e “Giuseppe Di Stefano”. Veronica Amarres è un’artista unica che unisce in se il talento straordinario per due campi così diversi.

Svolge attività concertistica in Europa, America del Nord e del Sud, Giappone, ha preso parte a numerosi festival in tutto il mondo, tra altri Schleswig-Holstein Musikfestival, “Rossini in Wildbad”, Ferenc Liszt-Festival (Germany); “Brazile 500 Anniversary” a Rio de Janeiro, Ravinia Festival (USA), Festival d’opera “Katia Popova” (Bulgaria). Ha collaborato con famosi direttori e orchestri come Peter Maag, Claudio Scimone ed “I Solisti Veneti”, Zoltan Pesko, Alberto Zedda, Saulius Sondeckis e Orchestra da Camera di Lituania, Marc Soustrot, Paul Goodwin, Dmitri Kitajenko e. a. I suoi maestri principali sono la grande Christa Ludwig, la famosa americana Grace Bumbry, professore Rudolf Piernay; e nel campo pianistico – grande musicista estone Bruno Lukk, il virtuoso pietroburghese Valery Vassiliev e Christoph Eschenbach. Masterclass con Renato Bruson, Fiorenza Cossotto, Gianni Raimondi, Antonietta Stella.

Ha interpretato: “Werther” con Alfredo Kraus (Las Palmas), Requiem di Mozart a “Carmen” di Bizet al Barbican Center (Londra), concerti alla Sala Filarmonica di Monaco (Germania) e al “Munich Biennale Festival”, Santuzza in “Cavalleria rusticana” di Mascagni (tournée in Campania con Bruno Aprea), “Juditha triumphans” di Vivaldi (Vaticano), concerto a Roma nella presenza del Presidente Carlo Ciampi, concerti in Lituania (concerto per pianoforte di Ciaikovski, arie di Rossini e di Verdi), recital alla Sala Filarmonica di San Pietroburgo, Mozart “La finta semplice” e Requiem In Memoriam di Marcello Viotti (Teatro La Fenice, Venezia), “Cenerentola” e “Così fan tutte” (Milano), “Barbiere di Siviglia” (Montecorvino Opera Festival, Teatro Capranica di Roma), numerosi concerti in Europa, Nord- e Sudamerica, Giappone, Gala-concerto al Prinzregententheater di Monaco (Germania, 2005) insieme con Francisco Araiza, Edita Gruberova, Vesselina Kasarova etc. 2006: Concerto dedicato a Farinelli e Malibran con le prime esecuzioni in Russia delle arie di Broschi, Donizetti, Gluck e Mendelssohn. 2007: concerti in Germania, Russia, Italia (p.e. al Consolato Generale di Spagna presso la Santa Sede), tournee con “Barbiere di Siviglia” (Rosina) in Italia. 2008/2009: contralto solo nella Sinfonia n.9 di Beethoven (Basilea), tournée in Europa con diverse orchestre.

 Scrivono di lei:
Talento drammatico, la grande bellezza di voce e ricchezza del timbro. (La libre belgique”, Bruxelles)
La mezzosoprano Veronica Amarres è una vera scoperta. (The Chronicle”, London)
Veronica Amarres è un artista straordinaria... La intonazione e articulazione della coloratura è stata così precisa che sembrava uscita dalla tastiera, nascosta nel petto. (Lietuvos rydas”, Lituania)
La culminazione della serata è stato l’esibizione di Veronica Amarres. Nonostante sua giovane età lei possiede una voce insolitamente matura. Suo repertorio estende dalla opera drammatica al sensibile barocco e al humour leggero... Ci sono tanti famosi “opera-stars”, i re e le regine del tango, maestri di Lieder, ma se uno vorrebbe riunire la capacità di recitare commedia, il canto barocco, interpretazione di Lieder e la qualità di grande Diva nella stessa cantante – la lista dei nomi sarà molto limitata e il nome di Veronica Amarres senza nessun dubbio l’appartiene.  (Kaleva”, Finlandia)
La voce della classe mondiale... L’esecuzione brillante – culminazione della stagione concertistica. (Neuburger Rundschau”, Germania)
Molto graziosa Veronica Amarres nel ruolo di Rosina, un’ugola d’oro nei gorgheggi rossiniani. (Il Giornale d’Italia”)
Veronica Amarres è uno dei migliori contralti rossiniani della scena contemporanea. (La Libertà”)
Veronica Amarres ha attirato l’attenzione del pubblico con la sua voce bella, scura e contemporaneamente con gli acuti sicuri brillanti, che ha svegliato nei pensieri l’associazioni con la Callas. Inoltre la sua voce durante il concerto si apriva come un fiore e agiva con eleganza e sicurezza. Lei è capace di esprimere il carattere del personaggio con il minimo di gesti e maneggia tanti volti diversi sapendo come usare il timbro nella maniera più giusta. Passione, tragedia o allegria – Veronica Amarres è in possesso di tutta la tavolozza delle emozioni. (Badische Zeitung”)

Articolo Articolo  Storico Torna alla home Stampa Stampa

 


In edicola

Spazio Pubblicitario

Spettacoli degli Amici




Multimedia


Storico




Clicca per ingrandire

Utenti on-line

Ci sono 1 persone collegate